.

poesie e dintorni

A tutti i morti sul lavoro

contributo inviato da Salvatore Sblando il 8 dicembre 2008

Ad un anno di distanza dalla tragedia della Thyssen ripropongo un mio testo scritto nei mesi successivi la sciagura.

AL DI LA’ DELLO SPAZIO

Solo un gruppo di puttane a presidiare
i marciapiedi della Pellerina fra le anse della Dora.
Un vecchio ponte Bailey scavalca
quel ch’è rimasto fra i prati e la follia

Qui si muore mille volte e mille volte ancora si nasce
per dare le spalle al centro cittadino e percorrere
l’asfalto caldo di Corso Regina Margherita
verso tutte le direzioni della tangenziale

Qui si muore d’incosciente ipocrisia
nel silenzio infetto degli scarichi automobilistici
nel passaggio assente di un gruppo di ciclisti
nelle insegne dismesse di un’acciaieria tedesca


(a tutti i morti sul lavoro)

(© poesia di Salvatore Sblando)


commenti:

inserisci un commento


Registrati ora al Cannocchiale per inviare un commento,oppure registrati direttamente al gruppo per partecipare attivamente con i tuoi articoli e post.
Se sei già registrato, effettua prima il login al cannocchiale o al gruppo.

informazioni sull'autore
ISCRITTO DAl
10 febbraio 2008
attivita' nel GRUPPO





poesie e dintorni

discutere di poesia, discutere di tutto ciò che ci circonda.

Si discute di (Tags)



Creato da Salvatore Sblando
Membri attivi 39

Clicca per visualizzare la geomappa dinamica dei membri

Ultimi iscritti

tutti i membri




Puoi iscriverti liberamente e partecipare alle attività del gruppo poesie e dintorni.

CON BLOG
Se hai un blog - su qualunque piattaforma - i tuoi post verranno aggregati automaticamente. Dopo l'iscrizione, segui le istruzioni per aggregare blog.
Se non hai un blog puoi aprirlo ora sul Cannocchiale.

SENZA BLOG
Se non hai un blog puoi iscriverti comunque e partecipare ai Gruppoe alle altre attività di prossima attivazione.
Iscriviti ora!

Se sei già iscritto e non vedi i tuoi contenuti aggregati, leggi la pagina di aiuto.